vaccino sabbia-fly offre una protezione nelle scimmie contro la leishmaniosi

sfondo

Risultati dello studio

La leishmaniosi è una malattia tropicale trascurata che è causata da parassiti Leishmania, che sono trasmessi attraverso la puntura di flebotomi infetti. Leishmaniosi assume diverse forme, tra cui il più comune, leishmaniosi cutanea, che causa piaghe della pelle. Il più grave leishmaniosi viscerale, conosciuta anche come kala azar, colpisce gli organi interni come la milza, fegato e midollo osseo.

Le piaghe della pelle causate da leishmaniosi cutanea di solito guariscono da soli e spesso non richiedono un trattamento, ma con più gravi infezioni leishmaniosi, il trattamento può essere costoso, lungo e richiedono farmaci tossici.

Importanza

La malattia parassitaria si trova in quasi 88 paesi, dalle foreste pluviali del Centro e Sud America ai deserti del Medio Oriente e l’Asia occidentale. Alcuni casi di malattia sono apparse anche in Messico e Texas. Nonostante la vasta distribuzione geografica, nessun vaccino umano contro la leishmaniosi esiste.

Prossimi passi

In precedenza, i ricercatori hanno scoperto che i roditori esposti alla saliva attraverso la puntura di flebotomi infetti o l’immunizzazione con una particolare proteina salivare sono stati protetti dalle infezioni Leishmaniosi cutanea e viscerale.

I ricercatori theernment, parte di theernment, e collaboratori esposti macachi Rhesus a flebotomi che non sono stati infettati con parassiti della leishmania e ha scoperto che le scimmie morso dalle mosche hanno sviluppato una certa immunità alla malattia. Gli scienziati hanno ipotizzato che alcune proteine ​​nella saliva dei flebotomi possono aiutare a fornire protezione generando una risposta immunitaria che gli obiettivi il sito di un morso.

Riferimento

Successivamente, i ricercatori voluto identificare la proteina salivare sabbia fly responsabile dell’effetto protettivo. Essi proiettati 23 diverse proteine ​​salivari e individuato uno che ha mostrato il più promettente, chiamato PdSP15.

Da lì, gli investigatori immunizzati 10 scimmie con la proteina PdSP15 e li hanno confrontati ad un gruppo di controllo. Tra le scimmie hanno ricevuto l’inoculazione di proteine ​​salivari, sette lesioni più piccole sviluppate, visualizzata ridotto numero di parassiti nelle lesioni, e prodotto le risposte immunitarie superiori rispetto a quelli che non hanno ricevuto il colpo.

Quando la prova nel sangue prelevato da individui naturalmente esposti a sabbia volare morsi, i ricercatori hanno osservato che le cellule umane hanno prodotto anche anticorpi quando esposti alla PdSP15, dimostrando capacità potenziale protettivo della proteina nelle persone. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Science Translational Medicine.

Un vaccino leishmaniosi è rimasto un obiettivo irraggiungibile per i ricercatori, nonostante l’identificazione di proteine ​​e di agenti che potrebbero essere utilizzati per lo sviluppo di vaccini leishmaniosi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che la leishmaniosi provoca 1,3 milioni di nuovi casi di malattia e di 20.000 a 30.000 morti ogni anno. Un vaccino efficace potrebbe contribuire a controllare ed eventualmente eliminare la malattia in tutto il mondo.

Successivamente, gli scienziati vogliono capire perché solo alcune delle scimmie somministrando il vaccino sviluppato immunità ai leishmaniosi. I fattori che causano la presenza o l’assenza di una risposta immunitaria contro la sabbia volano le proteine ​​salivari possono aiutare a determinare quali individui sono suscettibili di contrarre la leishmaniosi cutanea.

Le persone che vivono in regioni del mondo dove leishmaniosi è endemica sono esposti alle proteine ​​salivari di vettore di sabbia vola spesso, attraverso le tante punture non infetti che ricevono su base giornaliera. Allo stesso modo, le persone che visitano queste regioni del mondo che non sono esposti a queste proteine ​​salivari sono suscettibili di essere morso frequentemente da questi vettori durante il loro soggiorno nella zona endemica. Mentre i risultati dei ricercatori suggeriscono che PdSP15 rappresenta un vaccino candidato promettente per le persone come turisti e il personale militare, che non sono stati esposti a questi vettori, resta da testare nelle popolazioni endemiche, sia negli animali e nell’uomo.

F Oliveira et al. Un vaccino proteine ​​salivari sabbia fly mostra efficacia contro trasmessa da vettori leishmaniosi cutanea nei primati non umani. Science Translational Medicine DOI: 10.1126 / scitranslmed.aaa3043 (2015).